Home page - Sito web ufficiale

L’Archivio di Stato di Ravenna conserva oltre otto chilometri di materiale documentario, dal X secolo ai nostri giorni, raccolto in più di 120 fondi amministrativi, giudiziari, notarili e di enti, famiglie e privati e costituito da circa 70.000 unità archivistiche e cartacee e da 7.055 pergamene provenienti dagli antichi monasteri e conventi soppressi in epoca napoleonica, come S.Maria in Porto, San Vitale, Sant’Apollinare in Classe, S. Andrea.

All’Archivio di Stato di Ravenna afferisce la sezione di Faenza che Conserva tutti i fondi archi vistici statali, Comunali e privati già depositati presso la biblioteca comunale, ove erano venuti riunendosi sin dagli anni immediatamente successivi al 1861, nonché alcuni fondi pervenuti alla Sezione dopo la sua apertura.

L'archivio dispone di due sale di studio di cui una dedicata in particolar modo alle indagini sui fondi catastali e alla consultazione delle pergamene. Fra i servizi forniti la fotoriproduzione e la consultazione degli archivi accessibili via web. È possibile contattare l’Archivio via e-mail (as-ra@beniculturali.it) o via telefono per consulenze, ricerche, e prenotazione di unità archivistiche.

L’Archivio di Stato di Ravenna con la sua sezione di Faenza, ha aderito al progetto SIAS – Sistema Informativo degli Archivi di Stato, che ha portato alla creazione di una grande banca dati digitale per facilitare la conoscenza del contenuto e della struttura dei complessi documentari conservati dagli Archivi di Stato.

Direttore: dott.ssa Manuela MANTANI

Sala Studio